Qual è la connessione tra corsa e dolore al ginocchio?

Andrea 0

La corsa è uno degli sport più popolari nel nostro paese, più di 20 milioni di spagnoli corrono ogni giorno. Le ragioni della popolarità di questo sport sono molto diverse: è economico e accessibile a tutti, può essere praticato in gruppo o individualmente, ovunque e in qualsiasi momento. Inoltre, Marta Valero, rappresentante della Società Spagnola di Reumatologia (SER) e un reumatologo presso l’ospedale universitario Ramon y Cajal, e Joan Vilaseca, specialista in medicina dello sport e direttore di Futbolsalut, vedono che la corsa ha molti vantaggi per il nostro corpo: promuove lo sviluppo del sistema osseo, cardiovascolare e metabolico arresta l’insorgenza dell’artrosi – se praticata con moderazione – riduce lo stress e l’ansia e migliora la qualità del sonno se fatto al momento giusto.

Nonostante i numerosi vantaggi, molti fan di questa attività hanno problemi al ginocchio. Nella maggior parte dei casi, ciò è dovuto a contusioni, sovraccarichi o stress sui muscoli che lo supportano, come artrite, menisco o problemi di cartilagine. Per prevenirli, è importante riscaldarsi e allungarsi adeguatamente e tonificare anche quadricipiti e muscoli posteriori della coscia poiché il peso è distribuito correttamente sull’articolazione e il sovraccarico è ridotto.

Applicare il freddo alla zona post-allenamento, indipendentemente dal dolore, e anche assumere integratori di collagene e acido ialuronico sarà d’aiuto. Anche le scarpe giocano un ruolo importante. Devi scegliere scarpe con la giusta ammortizzazione – per assorbire gli urti – sostegno e sudore del piede, valutando opzioni più specifiche in caso di pronazione o supinazione molto pronunciata e cambiando scarpe ogni 750 km.

I giunti sono le peggiori fermate nell’esecuzione. L’impatto continua, soprattutto con un lavoro regolare e intenso, provoca una rapida usura dell’articolazione e della cartilagine e contribuisce all’insorgenza e al peggioramento dell’osteoartrosi. Un portavoce della SER afferma che le lesioni più comuni in questo sport sono: condropatia rotulea (usura della cartilagine rotulea), borsite, tendinite rotulea, lacrime fibrillari muscolari, periostite tibiale o sindrome iliaca, tra gli altri. Anche fascite plantare, tendinite di Aquileia, distorsioni o fratture sono comuni nella caviglia.

Come identificare il trauma

In caso di infortunio, è necessario contattare urgentemente uno specialista per determinare di cosa si tratta e applicare un trattamento appropriato. Tuttavia, a volte è difficile distinguere un semplice disagio da un infortunio. Valero spiega che la malattia compare puntualmente all’inizio dell’esercizio e scompare gradualmente quando si riscalda. Al contrario, con il trauma, il dolore si ripresenta regolarmente e di solito si verifica nelle fasi finali dell’esercizio senza effettivamente scomparire, aggiunge. Inoltre osserva che “se il ginocchio è infiammato, o quando il dolore è molto forte e ci costringe a smettere di fare esercizio, non c’è dubbio che si tratti di una ferita”.

Dopo che ci siamo ripresi e le malattie sono completamente scomparse, l’attività fisica può essere ripresa dopo che si è riposata dall’esercizio indicato dallo specialista. Vilaseca difende anche che “è molto importante tenere conto delle cause dell’infortunio per evitare che si ripresenti in futuro”. Quando l’infortunio si è trasformato in qualcosa di cronico, dovresti scegliere altri sport meno cardiovascolari come escursionismo, nuoto, ciclismo o esercizi ellittici e combinarli con esercizi tonici.

La corsa, quindi, è uno sport molto utile se praticato con moderazione, con alcuni concetti base e attenzione al nostro corpo. Per chi è alle prime armi, Joan Vilaseca ricorda che “un’ora è più che sufficiente. Dovresti iniziare con un giorno alla settimana e allungare gradualmente i giorni, allungando 15 minuti prima dell’allenamento e 20 dopo “. Inoltre, entrambi consigliamo di fare il test prima di iniziare a capire in che cosa si trova il nostro corpo, poiché in caso di malattie cardiache, asma, sovrappeso … ci sono opzioni più convenienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *